Sasso Marconi

Sasso Marconi, culla della comunicazione wireless

Se amate la scienza e siete curiosi di conoscere come si è arrivati al  moderno telefonino  non  potete tralasciare  di  trovarvi  nella Terra natale di  Guglielmo Marconi, il luogo in cui l’inventore bolognese mise a punto il sistema  di telegrafia  senza fili che poi diffuse in tutto il mondo.

E’ possibile visitare su appuntamento  la casa natale di  Marconi, Villa Griffone, che si  trova nella  frazione di Pontecchio Marconi, a 3 Km in  direzione  di  Bologna. Il  giardino e  le sale della  Villa ospitano il Museo  Marconi, dedicato alle origini e agli sviluppi delle radiocomunicazioni. La Villa  è stata dichiarata Monumento Nazionale.

Per ulteriori informazioni visita il sito della Fondazione Guglielmo Marconi

Sasso Marconi, la porta dell’Appennino

copertina_via_degli_dei

Per gli  amanti delle  passeggiate,  da  Sasso Marconi  è  possibile  percorrere  un tratto della via degli Dei,  un famoso itinerario che unisce in circa 130 km Bologna a Firenze, ripercorrendo un’antica viabilità storica utilizzata fin da epoche romane per unire la città di Felsina (Bologna) con Fiesole – Firenze.

Si  tratta di  un trekking  di  difficoltà  media,  impegnativo  in  alcuni tratti appenninici.

Per chi vuole percorrere tutto l’itinerario, si parte da Piazza Maggiore per salire a San Luca per poi seguire il lungo Reno fino a Sasso Marconi e qui ci si inerpica per quel paesaggio unico che è il Contrafforte Pliocenico,infine si giunge a Firenze con una spettacolare vista dall’alto da Fiesole.

Per ulteriori informazioni sul percorso visita il sito ufficiale della Via degli Dei

 

Sasso Marconi, Oasi di San Gherardo e Acquedotto Romano

La  Casa  della  Natura è  il  centro multifunzionale per la divulgazione e la protezione della biodiversità a supporto della gestione dell’Oasi Naturale San Gherardo.

È  stata  inaugurata  il  16  settembre 2012  e  da allora è diventata il punto di riferimento per:

  • gli eventi di sensibilizzazione e divulgazione promossi dall’Oasi,
  • le attività di monitoraggio naturalistico, gestione, manutenzione realizzate da “Gli Amici della Natura “.

visita il sito: www.ecosistema.it

L’acquedotto romano di Sasso Marconi di anni ne ha parecchi, più di 2000, ma li porta benissimo e funziona ancora come nei primi anni della sua attività. È infatti uno dei pochi, se non l’unico, che continua a portare l’acqua del fiume Setta alle case dei bolognesi, tutto questo nonostante i millenni sulle spalle, o meglio, sui mattoni.

La  particolarità   dell’ acquedotto può  anche essere  apprezzata da  chi  è curioso  di vedere la struttura dall’interno. A luglio e novembre, infatti, l’Oasi  naturale  di San Gherardo e  il  Comune organizzano delle visite acquedottoguidate speleo-archeologiche. Con tute addosso e stivali di gomma ai piedi, i visitatori entrano nell’acquedotto attraverso l’accesso presso il Rio Conco, poi camminano lungo il cunicolo sotto la cascata ed esplorano quindi un breve tratto dell’acquedotto sotterraneo, con ritorno nell’Oasi sotto il Balzo dei Rossi e, da qui, alla Casa della Natura.
L’acquedotto romano fu costruito nel 15 a.C. perché gli idraulici romani avevano preferito l’acqua del fiume Setta a quella dell’Aposa, giudicata insufficiente, e a quella del Reno, troppo calcarea. Lungo quasi 19 km, la sua realizzazione occupò 20 squadre, ciascuna con decine di uomini che lavoravano a turni, probabilmente per una durata di 12 anni. Rimase in funzione fino al IV secolo d.C., quando le invasioni dei barbari portarono alla caduta dell’impero Romano in Occidente.
Inattivo per quindici secoli, venne poi ripristinato nel 1883.

Non dimenticare di controllare le altre iniziative di carattere naturalistico sul sito web dell’Ufficio Informazione Turistica: www.infosasso.it

 

Sasso Marconi, un paese ricco di storia

Sasso Marconi sorge in un luogo dall’antica storia, luogo di villeggiatura nell’antichità per le famiglie nobili del bolognese, che hanno lasciato in eredità ai posteri le numerose ville e costruzioni di cui si fregia questo territorio.

Tra le strutture più interessanti ricordiamo Palazzo de’Rossi e il Borgo di Colle Ameno.

Sasso Marconi e dintorni

montesoleNel comune limitrofo di  Marzabotto si trovano una  serie di luoghi di rilevanza nazionale a livello storico, tra questi ricordiamo:


 

Sasso Marconi, a due passi da Bologna

bolognaSasso  Marconi  è  un punto di partenza ideale anche per visitare la  città di  Bologna, che offre  infinite  possibilità culturali,  enogastronomiche  e  di  intrattenimento, oltre che al  proprio  inestimabile  patrimonio  storico, artistico -culturale e paesaggistico.

Il sito web della Città Metropolitana di Bologna offre diversi spunti  per  la visita  alla  Città, ci  permettiamo di segnalare “La  guida  per  tutti”,  un   itinerario  nel  centro  storico fruibile anche da persone  con disabilità motorie e sensoriali, con 22 ascolti, un video dalla Torre degli Asinelli, 16 video in Lingua dei segni,  65  fotografie,  testi  con  effetto karaoke e mappa del percorso, anche in versione tattile.

Visualizza “La guida per tutti” cliccando qui.

L’agenzia di promozione turistica della città di Bologna contiene diverso materiale informativo ed è reperibile sul sito Bologna Welcome.